Aumenta la  quota di differenziata ma non c’è dove conferirla

E’ quello che succede oggi in Sicilia

La quantità di umido raccolto in territorio modicano ha superato le quote assegnate e quindi i centri di compostaggio che hanno accolto fino ad oggi l’umido modicano non riescono più a lavorarlo. Per tale motivo la raccolta delle frazioni di umido in tutto il territorio di Modica viene sospesa fino a nuove comunicazioni.

“Le quote assegnate- commenta il Sindaco – vengono esaurite di solito a metà settimana e pertanto la raccolta riprenderà a rilento nel più breve tempo possibile. Naturalmente la Regione in tutto questo ha delle mancanze evidenti perché non riesce ad autorizzare ulteriori centri di compostaggio o ad ampliare quelli già esistenti. Paradossalmente, grazie alla collaborazione dei cittadini, scontiamo il fatto di aver superato quota 65% di differenziata.

Tale quota era l’obiettivo da raggiungere quando abbiamo cominciato il servizio di raccolta differenziata che avrebbe dovuto portare notevoli benefici alla vita della comunità. Noi cittadini modicani abbiamo fatto la nostra parte impegnandoci a cambiare le abitudini di vita ma purtroppo non riscontriamo altrettanto impegno dall’altra parte, cioè da Palermo.

Questo non significa che abbasseremo la guardia nella raccolta differenzia che rimane sempre una priorità ma dalla Regione devono intervenire al più presto per non rischiare di vanificare tutti gli sforzi che abbiamo fatto in tutti questi mesi.

Pertanto invito i cittadini ad evitare il più possibile di conferire l’umido nei prossimi giorni fin quando la situazione non si sbloccherà auspicando provvedimenti urgenti da parte del Governo Regionale

9 piccole grandi regole per salvare l’ambiente dalle catastrofi annunciate

Cambia le tue abitudini, i tuoi punti di vista, le tue convinzioni.

9 piccole grandi regole per salvare il pianeta dalle catastrofi annunciate.

Ognuno di noi può iniziare subito a fare qualcosa e dare un piccolo contributo per salvare  l’ambiente. Come? Cambiando! Cambiando abitudini, punti di vista e convinzioni. Ecco quindi una lista di consigli e semplici azioni che seguire farà solo che bene al pianeta in cui abitiamo.

  • Riduci il consumo di carne

    La produzione di carne rossa immette nell’atmosfera quantità di CO₂ fino a 40 volte superiori di quelle prodotte da cereali e verdure.

  • Riduci il consumo di latticini

    Per tenere in vita una mucca da latte ci vogliono grandi quantità di acqua e mangime. Le mucche, inoltre, contribuiscono per il 28% alle emissioni di metano correlate all’attività umana.

  • Cambia le tue abitudini di guida

    I veicoli a motore inquinano l’aria che respiriamo. Quando possibile, evita l’uso dell’auto: torna a camminare, usa i mezzi pubblici, usufruisci del car sharing oppure pedala.

  • Fai caso a come usi l’acqua

    Entro il 2050, 5 miliardi di persone del mondo potrebbero sperimentare carenze di acqua.  Fai docce più brevi, chiudi il rubinetto quando ti lavi i denti, installa degli aeratori rompigetto efficenti.

  • Riduci il consumo di carta

    Il 40% del legname ricavato dal taglio degli alberi serve a produrre carta. L’industria della carta danneggia l’ambiente e consuma molta acqua. Passa alle bollette digitali, recedi dagli abbonamenti a riviste che non leggi più e scegli delle buste riutilizzabili per confezionare i tuoi regali.

  • Usa bottiglie riutilizzabili e contenitori per il pranzo lavabili

    Ad oggi produciamo circa 300 milioni di tonnellate di plastica ogni anno, metà della quale è usa e getta. Ogni anno 8 milioni di tonnellate di plastica vanno a finire negli oceani.

  • Fai attenzione a ciò che butti nella spazzatura

    Evita gli imballaggi multimateriale che non possono essere riciclati e differenza più che puoi la spazzatura che produci.

  • Usa le buste per la spesa riutilizzabili.

    Prima di recarti al supermercato per la spesa, assicurati di avere con te le borse riutilizzabili. Le buste di plastica sono la principale minaccia per la vita degli animali marini.

  • Invece di acquistare, prendi in prestito o aggiusta.

    L’arma più potente per aiutare l’ambiente è produrre meno spazzatura. Per farlo, puoi riciclare, prendere in prestito o rivolgerti al mercato di seconda mano.

Incontri aperti a Modica su raccolta differenziata, compostaggio, cucina con gli scarti, RAEE

Chiedimi, non mi rifiuto! Rifiuti e raccolta differenziata a Modica.

Chiedimi, non mi rifiuto! Incontri apertia Modica

“Chiedimi, non mi rifiuto!” Le scuole di Modica ospitano i responsabili del Comune, gli esperti e i cittadini per parlare di: di raccolta differenziata, compostaggio, cucina con gli scarti, RAEE. Gli open day si svolgeranno dal 28 gennaio 2019 al 1 Febbraio 2019 dalle 14,30 alle 17,30 in 5 scuole di Modica. –  Scarica la locandina qui

  • Modica Alta, 28 Gennaio 2019 – Ore 14:30-17:30
    Circolo Didattico Piano gesù, Via augustea, 9 – Modica Alta
  • Modica Sorda, 29 gennaio 2019 – Ore 14:30-17:30
    Istituto Comprensivo Raffaele Poidomani, Via E. Sulsenti – Modica Sorda
  • Piano Ceci, 30 gennaio 2019 – Ore 14:30-17:30
    Istituto Comprensivo S. Marta, C.da Sant’Antonio
  • Frigintini, 31 gennaio 2019 – Ore 14:30-17:30
    Istituto Comprensivo Carlo Amore, Via Gianforma Margione – Frigintini
  • Modica Sorda, 31 gennaio 2019 – Ore 14:30-17:30
    Istituto Grimaldi viale degli oleandri, 19 – Modica Sorda (ospita la compostiera di comunità)

Contemporaneamente si svolgeranno dei cantieri partecipati per la realizzazione di orti didattici con gli studenti delle scuole coinvolte nel progetto zolletta.

Chiedimi, non mi rifiuto! Per informazioni:

Ufficio Ecologia Comune di Modica
Tel: 331.3045448331.3038853 – ufficio.Ecologia@comune.modicarg.it

Per saperne di più